IMPORTANTI INTERVENTI DI PROGETTAZIONE ATTINENTI ALLA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE:

1.Impianto a biogas a Castelleone Cremona 836Kw, con una futura estensione a 969kW, cogenerazione energia elettrica e termica, con relativo impianto di teleriscaldamento.

Castelleone

Il Progetto, autorizzato nel dicembre 2006, prevedeva la costruzione di una Centrale di Energia Verde, centrale energetica alimentata  da fonti rinnovabili, composta da un Modulo indipendente, costituito da una Linea di Processo Anaerobico continuo con Digestori a doppio stadio e Vasca di Stoccaggio dell’eluato digerito.
L’impianto in questione, la cui costruzione si è ultimata nel Gennaio 2009, è attualmente in fase di avviamento ed a breve verrà comunicata al GSE l’entrata in esercizio commerciale. L’impianto non tratta rifiuti ma prodotti agricoli vegetali, in particolare mais, sorgo, triticale e pisello proteico, coltivati per più del 51% direttamente dalla società proprietaria dell’impianto e, la restante parte, acquistata in campo o in trincea,m e comunque tutti coltivati nel raggio di 40 Km dalla centrale..
L’impianto può essere definito come un Ecosistema a ciclo Bio-Energetico chiuso costituito da un Impianto Modulare per la produzione di BioGas, mediante il Processo di Digestione Anaerobica Termofila, conseguente Cogenerazione di Energia Elettrica e Termica, successivo Impianto di Separazione delle fasi a Filtropressa, con produzione di Humus secco come Fertilizzante e trattamento dell’ acqua con impianto a Osmosi inversa.
Le Biomasse solide vengono miscelate con acqua, triturate, e preparate per essere introdotte giornalmente, con dosaggio automatico orario, nel primo Digestore, costringendo un’eguale quantità a passare per tracimazione nelle cisterne successive.
Durante il Processo la Biomassa, che ha un tenore di umidità di circa l’80 %, viene miscelata con una intermittenza calcolata in funzione della sua composizione Chimico-fisica e della sua viscosità e relativa conduttività elettrica.

Gli agitatori sono studiati e posizionati in modo da consentire una uniforme e ottimale miscelazione di tutto il contenuto delle vasche e da prevenire la creazione di strati immersi o galleggianti.
La Biomassa, terminata la Fermentazione, viene inviata all’Impianto di Separazione con Filtropressa, da cui risultano  Humus secco al  50% circa ed acqua che viene trattata in Osmosi Inversa e inviata alla vasca di accumulo per essere riutilizzata nell’impianto.

Le vasche sono coperte da un membrana a tenuta stagna, gasometro, mantenuta rigida da una speciale soffiante, a protezione della membrana gasometrica, ambedue a tenuta stagna e fissate alle pareti di cls. E’ stato, inoltre, previsto il posizionamento di un telo impermeabile al di sotto delle vasche  in modo tale da garantire l’assenza di qualsiasi perdita o sversamento delle tubazioni e delle vasche.
Il BioGas prodotto in ciascuna vasca viene raccolto nella cupola gasometrica superiore e confluisce nell’ultimo gasometro di ogni linea dove subisce un trattamento chimico di abbattimento dell’acido solfidrico, di seguito viene convogliato nelle aree di trattamento dove è compresso, deumidificato e depolverato per poi alimentare la centrale di cogenerazione posta in container con motore Jenbacher e generatore Stanford.

Nel caso si renda necessaria una pulizia dell’impianto la Stazione di Pompaggio è predisposta per riempire, svuotare e lavare separatamente ogni digestore e la Vasca di Stoccaggio. Una volta che le vasche sono state svuotate dalle biomasse i teloni di copertura vengono asportati per avere una completa aerazione delle vasche e permettere così un accesso alle vasche in completa sicurezza.
L’Energia  termica sotto forma di acqua calda a 85° C necessaria al funzionamento dell’impianto, viene prelevata direttamente dalla centrale stessa in cui viene prodotta attraverso il recupero con scambiatori di calore dal motore, intercooler, olio e dai fumi. L’energia elettrica viene immessa totalmente in rete, mentre il calore, recuperato dai vari elementi surriscaldati del motore, sarà ceduta tramite rete di teleriscaldamento ad una casa di cura non molto distante dall’impianto. La Massai Giordano Srl si è occupata di tutta la progettazione impiantistica, dalle linee della fluidodinamica alle linee elettriche, da quelle energetiche alla rete di teleriscaldamento. Tutte le apparecchiature ed i sistemi di triturazione, miscelazione, ricircolo, movimento, caricamento e svuotamento, interne ed esterne ai serbatoi, sono stati scelti, installati e collaudati dal personale altamente qualificato della Massai Giordano Srl.

Castelleone2

L’impianto si trova nel comune di Castelleone in Provincia di Cremona, la collocazione proposta è conforme alla legge 387/03 (art. 12 comma 10) e la scelta del luogo, pur se isolata, è stata effettuata per le seguenti caratteristiche positive:

•La vicinanza con la fondazione Brunenghi, casa di cura per anziani, permette l’utilizzo del calore cogenerato dai motori alimentati a biogas a mezzo di una rete di teleriscaldamento.
•opportuna distanza dal centro edificato (m.500)
•l’intervento nel tempo costituirà un utile per la collettività in termini di mancato inquinamento

In aggiunta si evidenzia :

•Per tutti gli elementi strutturali e l’edificio principale sono stati scelti colori che possano mimetizzarsi con l’ambiente circostante, in modo da non costituire elemento di contrasto con il paesaggio agricolo e, grazie alla tipologia delle strutture, permettere più facilmente il ripristino del luogo, come previsto dalla legge. Le vasche di trattamento sono state contenute nelle dimensioni al minimo strutturale e funzionale.
•Il presente progetto, nel rispetto dei vincoli del codice della strada; è dotato di barriere verdi, siepe e filare che ne nascondono la visione.

Castelleone3

2.Progettazione, fornitura e realizzazione di impianto fotovoltaico totalmente integrato, nato per la sostituzione di coperture in eternit, di potenza nominale 201,824 kW, allacciato alla rete di media tensione. Loc. Casenovole (GR).

Il progetto è nato dalla necessità di smantellare vecchie coperture in ethernit, di alcune stalle, di proprietà di una Azienda Agricola in Loc. Casenovole. L’estensione totale dell’intervento architettonico è di circa 4000mq e data l’elevata dimensione si è scelto moduli fotovoltaici in amorfo che fungono da elementi di copertura degli edifici rurali, in sostituzione della vecchia copertura in cemento amianto.

Casenovole

Oltre alle fasi di progettazione dell’impianto, scelta dei materiali, verifica dello stato delle strutture porta tanti, e di progettazione di tutta la rete elettrica di connessione, l’intervento comprendeva lo smantellamento delle coperture, con smaltimento dei materiali pericolosi da parte di azienda autorizzata, il rifacimento della copertura utilizzando i moduli fotovoltaici, di tutta la rete elettrica, inclusi scavi per la posa interrata, in continua in uscita dai moduli, ed alternata dopo la conversione tramite gli inverter fino all’immissione in rete, mediate cabina elettrica privata.
La struttura portante degli edifici, sebbene in buone condizioni e totalmente integra, essendo datata, necessitava un intervento che alleggerisse il carico, garantendo l’impermeabilità della copertura. Tutto ciò ci ha condizionato nella selezione del modulo, andando a scegliere moduli in silicio amorfo  incollati su supporti di lamiera grecata.
I quasi 202 kW, nominali di potenza, sono erogati da 1344 pannelli da 136W e 280 da 68W di analoghe caratteristiche elettriche. Tutta la corrente prodotta dalle serie di moduli (stringhe) è trasportata nei diversi quadri di protezione e parallelo dislocati nell’area interessata dall’impianto.
L’energia prodotta dai moduli è trasmessa ad una stazione centrale di conversione posta in apposito locale tecnico, dove avviene la trasformazione da corrente continua a corrente alternata mediante tre inverter di potenza nominale 75 kW, ciascuno collegato a diverse zone dell’impianto.
Gli Inverter sono trifase idonei per l’allacciamento in rete ( grid-connected ) con trasformatore di isolamento a frequenza di rete; la tensione di uscita di forma sinusoidale è pari a 400V con frequenza 50Hz. L’immissione in rete è effettuata in media tensione mediante elevazione con trasformatore isolato in olio a perdite ridottissime di potenza 250 kVA connesso a quadro MT di protezione  a norma DK5600.
Il progetto è stato redatto nel corso del 2008 e la realizzazione si è conclusa a primavera del 2009.
Per gli stessi committenti abbiamo già avuto incarico per la progettazione e costruzione di 1,8 MW fotovoltaico in sito limitrofo; stiamo ultimando l’iter autorizzativo.

3.Intervento di risparmio energetico, svolto presso l' Aeroporto di Roma, con la sostituzione di corpi illuminati con maggiore efficienza e minori consumi, finalizzato al risparmio energetico.

L’intervento è finalizzato al risparmio energetico tramite la sostituzione di tubi al neon tipo T5 con tubi tipo T8 di potenza inferiore a quelli sostituiti, garantendo comunque una migliore illuminazione.
L'intervento ha interessato le aree comuni ed i grandi ambienti dell'aeroporto "L. Da Vinci" di Fiumicino (RM).

Fiumicino

Il Consorzio Arcobaleno è soggetto aggiudicatario della gara e la Massai Giordano S.r.l., in quanto consorziata, è sono state delegata dallo stesso consorzio ad occuparsi della parte di progettazione e sostituzione degli impianti ed alla presentazione, all’Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas, della proposta di progetto di risparmio energetico con conseguente richiesta di emissione dei certificati bianchi ed alla commercializzazione degli stessi.
Lo scopo del progetto è stato quello di produrre del risparmio energetico andando a sostituire gli apparati di illuminazione, parzialmente o totalmente, con sistemi maggiormente efficienti che garantiscano allo stesso tempo un minor consumo energetico e una migliore illuminazione.
Al momento della consegna del cantiere l'ente appaltante ha consegnato una tabella riportante i dati dei consumi attribuibili agli impianti di illuminazione oggetto dell'intervento.
L'intervento ha avuto inizio materiale il giorno 15 Settembre 2008, già dai primi sopralluoghi si è iniziato a compiere delle misurazioni a campione (su corpi illuminanti identificati dallo stesso appaltatore), necessarie per capire quale fosse lo stato di fatto in termini di consumi energetici e di rendimenti di illuminazione dei corpi illuminanti preesistenti.
Contemporaneamente è iniziata anche la fase di sostituzione dei corpi stessi.
In pratica si è proceduto compiendo misurazioni prima e dopo l'intervento di sostituzione, rilevando  l'assorbimento (kW) e il grado di illuminazione (Lux).
l'intervento ha cominciato a produrre risparmio contestualmente all'inizio della sostituzione dei corpi illuminanti ovvero alla data del 15 Settembre 2008.
In base ai campionamenti eseguiti sulle varie tipologie di corpi illuminanti è stata rilevata la potenza assorbita da ognuno di questi, prima e dopo l'intervento, dalle varie misure si è dedotto il valore medio di potenza assorbita ricavandone i consumi medi per tipologia in base alle ore di funzionamento ed ai giorni di funzionamento, dati fissi dichiarati dalla ditta appaltante.
Il risparmio è stato quindi calcolato in base al minor consumo rilevato, convertendo in base al dato ufficiale i MW in TEP, verificando allo stesso tempo che il grado di illuminazione sia superiore nella situazione modificata rispetto a quella iniziale.
Dopo aver verificato che il grado di illuminazione, in seguito alla sostituzione dei corpi illuminanti, non sia diminuito, si è infatti riscontrato un aumento del 62,67%, si è passati ad elaborare la formula per il calcolo dei risparmi totali.
Annualmente verranno eseguite verifiche periodiche di funzionalità su tutte le tipologie di corpi illuminanti, nell'ordine di circa 50 campionamenti per ogni tipologia in modo da ottenere valori medi necessari alla verifica dei risparmi conseguiti, eseguite con le stesse modalità del primo campionamento sulle stesse lampade prese a campione.

Massai Giordano S.r.l. - viale Europa, 6/8/10 - 58100 Grosseto (GR)
tel. +39 0564 455081 - fax +39 0564 457410 
p. iva 00859850539 - Cap. soc. Euro 15.000,00 int. vers.